SIGEP 2024 E IL FUTURO DELLA PANIFICAZIONE

Young Ideas4

La 45esima edizione di Sigep-The Dolce World Expo che si è svolta presso la Fiera di Rimini dal 20 al 24 gennaio 2024, si è conclusa, per quanto concerne la Bakery Arena, fra i festeggiamenti delle scuole partecipanti al concorso Young Ideas. 

Il concorso è stato l’epicentro delle attività svolte all’interno del Padiglione D7, e gestito da Richemont Club Italia in collaborazione con IEG (Italian Exhibition Group), leader italiano nella realizzazione di manifestazioni fieristiche. 

Rivolto ai talenti dell’arte bianca, delle scuole alberghiere e degli enti di formazione professionale italiani, la competizione ha visto gareggiare i ragazzi di 9 diversi istituti, che si sono sottoposti al giudizio di esperti panificatori provenienti da diverse zone d’Italia e tutti soci Richemont. 

Le prove in cui gli studenti si sono confrontati in questa edizione erano 5: pane ciabatta, pane di libera creazione, pani di piccolo formato, viennoiserie e un pezzo artistico dal tema Guglielmo Marconi, a 150 anni dalla sua nascita. 

A spuntarla in questa agguerrita competizione gli studenti della classe 4° AP dell’Istituto di Formazione Professionale Alberghiero di Rovereto Sara Eccel e Cristian Murer, che sotto la guida dei docenti Elena Zorer e Valentino Baldo hanno conquistato l’ambito podio. Al secondo posto si è classificata la Fondazione Casa del Giovane di Castiglione delle Stiviere, capitanata dal socio Richemont Matteo Manuini, mentre a chiudere il podio gli studenti dell’IFP “F.Martini” di Montecatini Terme. 

Ma Young Ideas non è stato l’unico evento a caratterizzare le giornate della fiera. Infatti durante i 4 giorni si sono susseguiti numerosi appuntamenti dedicati al mondo della panificazione, con interventi dedicati alla formazione, ai nuovi sviluppi e alle novità più salienti del mondo dell’arte bianca. 

Il primo giorno di fiera ha visto come protagonisti tre club internazionali, impegnati nella Bakery International Academies 2024. Infatti tre scuole, provenienti da Svizzera, Cina e Perù (Richemont School, Nova Escuela e Best Chinese School) hanno preparato ed esposto diverse preparazioni tipiche dei loro paesi, raccontando attraverso di esse e le tecniche di lavorazione, la loro cultura e le loro tradizioni.

Fra i talk dei giorni successivi molto partecipato l’intervento di Carlo di Cristo, biologo e panificatore, che come sempre ha saputo catalizzare l’attenzione degli spettatori, analizzando il mondo del lievito madre, con i suoi pro e i suoi contro, evidenziando le contraddizioni di un mercato che sembra seguire troppo spesso le tendenze del momento, dimenticando la storia della panificazione e il troppo spesso bistrattato lievito di birra. 

Storico e significativo inoltre l’accordo fra Richemont Club Italia e Fippa, la Federazione italiana panificatori e affini. Un accordo strategico quello siglato dai Presidenti Matteo Cunsolo e Giancarlo Ciccolini, che sicuramente aprirà nuove vie per il futuro della panificazione. 

Richemont Club, data la sua grande esperienza in questo tipo di eventi, rappresenterà Fippa ufficialmente negli eventi fieristici e pubblici, e nei concorsi nazionali e internazionali. Restando nel tema dell’internazionalità, un altro appuntamento importantissimo che ha visto Richemont Club protagonista all’interno del Sigep, è stata la riunione di Richemont International. 

Il Presidente Roberto Perotti e i colleghi Presidenti, provenienti da tutto il mondo, hanno analizzato le opportunità di crescita del Club, sondando nuove opportunità e presentando nuovi progetti ai presenti, tutti volti alla crescita del Club e alle nuove sfide e opportunità del futuro, compresa la digitalizzazione del settore. 

Per ultimo non possiamo non citare LA FOCACCERIA, una vera e propria finestra sul mondo Richemont, utile per capire lo spirito che contraddistingue il Club. 

In questo luogo, circa una trentina di soci si sono alternati per quattro giorni nella produzione di pizze, focacce e altri prodotti da forno. Incessantemente, con l’unico scopo di raccogliere fondi per una buona causa. 

Quest’anno infatti Richemont Italy ha deciso di devolvere tutti i ricavi della focacceria all’associazione “In viaggio con Fede”, contribuendo al progetto “Viaggio in Nuova Zelanda”. Grazie ai fondi raccolti, alcuni studenti avranno la possibilità di studiare in un paese lontano come la Nuova Zelanda per 6 mesi. Un luogo, un viaggio, un sogno di un amico scomparso troppo presto. 

Anche questo ha contribuito a fare di Sigep una fiera di grande successo, con una partecipazione straordinaria e soprattutto all’insegna del futuro, grazie alla presenza di studenti con passione e capacità tecniche, e che rappresentano la speranza del nostro caro amato pane.

Pani della tradizione 2.0

Pani della Tradizione 2.0

Meeting Internazionale

Meeting Internazionale 2023

Esami Richemont 2023

Esami di ammissione 2023 (prima sessione)